sabato 2 giugno 2012

Sembra quasi impossibile che sia già quasi estate, il tempo scorre molto molto velocemente.
Le cose in un anno cambiano, cambio io, cambiano gli altri.
Cosa è cambiato dall'anno scorso? Io sono di nuovo sola. La mia famiglia mi tratta come una sconosciuta. Le mie amiche hanno di meglio di fare. E io ho questa idea pazza di dimagrire, sembra così impossibile. Mi domando come sarà tra un anno, cos'altro cambierà ancora, magari avrò la mia borsa di studio, una media tra l'otto e il nove, un fisico perfetto; oppure può anche non cambiare assolutamente niente, in fondo io non ne voglio sapere di impegnarmi come si deve. Quest'estate vado a Londra per un mese, chissà dove sarò l'anno prossimo. Non so se l'incertezza renda la vita più intrigante o più spaventosa. Ma intanto sono qui il 1° di giugno, da sola, a studiare, con i miei 45.8 kg.
Spero di continuare a reggere e raggiungere il mio obbiettivo per Londra, non voglio essere una "big girl" anche li.

***Ho notato che alcune di voi hanno reso i propri blog privati, volevo chiedere l'invito anche se non commento tanto è sempre un piacere leggervi Marceline, Chelsea S.

Vi stringo,
Ele

10 commenti:

  1. Fino a che qualcosa cambia...c'è "speranza", se non altro c'è qualcosa.
    Preoccupati davvero quando la tua vita sembra un de jai vu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione spero che le cose cambino in meglio!

      Elimina
  2. Change.

    E' una parola che ho impressa da qualche mese ormai. Ce la faremo. Anch'io quest esate andrò a Londra, e saremo perfette, stai pur tranquilla. I tuoi 45.8 non sono niente in confronto ai mei 67! Cucciola, sei stupenda, lo so.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saremo entrambe splendide^^
      Ti stringo!

      Elimina
  3. So che significa cercare a tutti i costi di perdere peso e so anche cosa significa essere tagliata fuori da tutto, ma spesso l'ultima cosa è causa nostra.
    Mentre pensiamo il contrario, il mostro del controllo ci controlla, non siamo libere di scegliere di mangiare un piatto di pasta.
    Per il fatto della solitudine, beh spesso gli eventi si combinano tra loro malamente e finiamo per restare sole così la nostra scarsa autostima ci dice che è colpa nostra, che non siamo abbastanza interessanti e così ci tiriamo indietro da tutto e da tutti per paura del rifiuto, ci isoliamo, sviluppiamo orgoglio: "mi devono cercare loro se gli interesso" invece nelle relazioni dobbiamo sempre tutti fare il primo passo, le amicizie vanno piantate e coltivate continuamente, bisogna ricercare i contatti, perchè l'uomo è un animale sociale e non può vivere senza il confronto.
    Buona fortuna per tutto e spero che nel tuo viaggio tu possa liberare un po' la mente dalle tue ossessioni e sperimentare la VERA LEGGEREZZA.
    Ti sono vicina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverò a frequentare un po qualcuno, prima che mia madre mi mandi dallo strizzacervelli..

      Elimina
  4. 45,8 kg Il peso di una farfalla.

    RispondiElimina
  5. Ti capisco perfettamente e sono daccordissimo con julie per tutto. Riprenditi in mano la tua vita, non so, fatti nuovi amici quando vai a Londra! Secondo me quella città è stupefacente, è magica...un giorno voglio andare lì a vivere. Vedrai che tutto sarà più semplice, poi, e ti auguro tutta la felicità del mondo, perché te la meriti tutta. Non stare a guardare la vita che ti scorre accanto, ma prendine parte anche tu: so che sembra difficile ma fatto il primo passo tutto sarà più semplice.
    Un bacio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di andarci, ho bisogno di cambiare aria!

      Elimina